Logout
Vai ai contenuti
Terapia Intensiva Neonatale dell'Ospedale Maggiore della Carità di Novara

Il neonato pretermine interrompe il suo sviluppo neuromotorio lasciando l’ambiente uterino per continuarlo nell’ambiente “artificiale” della Terapia Intensiva Neonatale”. - spiega la dottoressa Ferrero – “Negli ultimi anni si è compresa meglio l’importanza di “cure” centrate sulle esigenze del neonato prematuro e sul ruolo determinante della famiglia, ma anche di come debbano essere gli spazi riservati ai piccoli e piccolissimi neonati, migliorando l’architettura, lo studio dei materiali costruttivi e cercando di adeguare la tecnologia a questo mondo speciale.

L’assistenza specialistica necessaria alla sopravvivenza di questi piccolissimi pazienti richiede l’utilizzo di apparecchiature sofisticate che sempre più si perfezionano allo scopo di accudire al meglio questi bimbi, riducendo lo stress, i rumori forti, le innumerevoli procedure e manipolazioni a cui è sottoposto il neonato, tutti fattori che ne condizionano il comportamento ed incidono sul suo sviluppo.

È compito degli operatori nel loro insieme creare e mantenere l’adeguatezza di questo ambiente, migliorando ed “umanizzando” la qualità della permanenza del neonato nella TIN affinché le condizioni del suo sviluppo neuropsicomotorio siano garantite al meglio.

I locali del nuovo reparto di Terapia intensiva neonatale dell’ospedale Maggiore di Novara, inaugurato nella scorsa primavera, cercano di soddisfare al meglio queste esigenze: gli spazi ampi, luminosi e allegri permettono ai genitori di stare vicino ai loro bimbi, favorendo quel contatto che è sempre auspicabile per il benessere sia della mamma che del bambino. Ai medici e alle infermiere si affiancano i volontari dell’Associazione NEO-N (Neonati a rischio -Novara) che aiutano le mamme in difficoltà offrendo loro un fattivo supporto”.

“Nel 2014 sono già stati ricoverati nella Terapia Intensiva di Novara più di 100 neonati prematuri, e di questi ben 36 sono di peso molto basso, inferiore a 1500 grammi. Il più piccolo pesava 590 grammi ed era lungo 30 cm.” – continua Ferrero – “Quasi contemporaneamente sono nati 2 gemelli di 24 settimane di gestazione e 3 gemelli di 28 settimane: tutti e 5 adesso hanno circa 3 mesi e sono in buone condizioni di salute”.
Dipartimento Emergenza ed Accettazione
TERAPIA INTENSIVA NEONATALE

Strutture semplici: Unità di terapia intensiva pediatrica - Sede: Novara, corso Mazzini, 18

Direttore
Dottoressa Federica FERRERO
Equipe Medica
Marco BINOTTI, Edvige Caputo, Raffaella CASSONE, cristina COLLI, Roberta GILODI, Raffaella OSELLO, Barbara PILAN, Ilaria STASI
Strutture semplici:
Maria Rita GALLINA
Responsabile struttura semplice "Unità di terapia intensiva pediatrica"
TERAPIA INTENSIVA NEONATALE - Informazioni
La Struttura Complessa è in grado di far fronte a tutte le esigenze ventilatorie ed emodinamiche di supporto intensivo del neonato pretermine e del neonato con gravi condizioni patologiche medico-chirurgiche.
Vengono ricoverati e gestiti interamente dal personale medico-infermieristico del reparto i neonati prematuri anche di bassissima età gestazionale (dalle 23 settimane in poi).
I neonati e i lattanti che necessitano di terapia chirurgica sia per patologia malformative a carico dell’apparato digerente e nefro-urinario (atresia dell’esofago, atresie intestinali, morbo di Hirschprung), che per quelle acquisite (enterocolite necrotizzante, perforazioni intestinali, occlusioni) vengono ricoverati presso la nostra struttura sia in fase di diagnostica pre-intervento che nel periodo post-operatorio.
Tutti gli operatori dell’èquipe hanno maturato ampia esperienza nel campo della neonatologia e della terapia intensiva neonatale e partecipano attivamente ai corsi di aggiornamento ed ai congressi presentando periodicamente i risultati dell’attività di ricerca e la propria casistica.
Il personale medico e infermieristico ha seguito stage di aggiornamento professionale presso altri reparti neonatologici ( Ospedale Infantile Regina Margherita di Torino, Ospedale San Matteo di Pavia, Ospedale Civile Maggiore di Verona, Ospedale Gaslini di Genova) e tiene periodicamente dei Corsi di Rianimazione neonatale e di Stabilizzazione del neonato critico.
La Struttura Complessa comprende le seguenti Unità Operative:
• Terapia Intensiva Neonatale
• Neonatologia
• Ambulatorio follow-up
È garantita ogni giorno la presenza di pediatri-neonatologi esperti in terapia intensiva in servizio di guardia attiva 24 ore su 24.

Terapia Intensiva Neonatale
La Terapia Intensiva Neonatale accoglie neonati prematuri, di basso peso alla nascita o affetti da patologie di particolare gravità che necessitino di assistenza intensiva con monitoraggio continuo dei parametri vitali, supporto respiratorio e posizionamento di accessi venosi centrali per somministrazione di farmaci e nutrizione parenterale.
È costituita da 4 posti letto attrezzati con incubatrici di ultima generazione, monitor e possibilità di collegamento a ventilatori convenzionali o ad alta frequenza e somministrazione di ossido nitrico inalatorio.
Le indagini radiologiche ed ecografiche (encefalo, cuore, addome) sono eseguite direttamente in reparto.
Settimanalmente i neonati prematuri che sono stati sottoposti ad ossigenoterapia vengono visitati dall' Oculista per la prevenzione e l' eventuale cura della ROP (retinopatia del neonato prematuro).
È previsto un programma di sostegno psicologico alle famiglie dei piccoli ricoverati che viene espletato da Psicologhe in collaborazione con il reparto di Neuropsichiatria Infantile.
A partire da febbraio 2009 è stato attivato il Servizio di Trasporto di Emergenza (STEN) Neonatale che permette di accogliere neonati provenienti da punti nascita di primo e secondo livello nel nostro Centro di riferimento zonale di terzo livello: nell'anno 2009 sono stati eseguiti 55 interventi. Le madri dei bambini trasferiti presso la nostra struttura possono essere ricoverate presso l' Ostetricia, compatibilmente ai posti letto disponibili. Per nuclei familiari (composti al massimo da quattro persone) con bambini in cura presso la Terapia Intensiva è inoltre a disposizione un appartamento ("Casa Valeria") ubicato nelle vicinanze dell' ospedale.

Neonatologia
In Neonatologia, costituita da 12 posti letto, vengono ricoverati neonati affetti da patologie che non richiedono una gestione intensiva, quali ittero o infezione perinatale, e i neonati che vengono dimessi dalla Terapia Intensiva, ma che devono terminare il percorso di accrescimento e sviluppo prima di essere dimessi.
In entrambe le Unità Operative viene promosso l' allattamento al seno e viene proposta la marsupio-terapia alle mamme dei prematuri. La marsupio-terapia è una tecnica che incentiva e stimola il contatto pelle a pelle tra mamma e bambino: è stato dimostrato infatti che un contatto precoce tra la mamma e il neonato prematuro ne riduce le complicanze e migliora la prognosi a distanza.
A tutti i genitori dei neonati prematuri viene fornito alla dimissione un opuscolo sul contenimento del neonato pretermine.

Ambulatorio follow-up
Per tutti i neonati viene programmata una visita di controllo ambulatoriale dopo 3-5 giorni dalla dimissione; in caso di eventuali problemi neonatali o particolari difficoltà nell' allattamento al seno vengono programmate ulteriori visite di controllo ravvicinate. I genitori possono comunque richiedere consigli e informazioni di puericultura al personale medico ed infermieristico in qualsiasi momento telefonando al numero 0321.3733463.
I neonati prematuri, in particolare quelli nati con peso inferiore a 1500 grammi e/o età gestazionale inferiore a 32 settimane vengono seguiti dopo la dimissione presso l' ambulatorio di follow-up dei prematuri tenuto dai medici della Neonatologia insieme ai medici della Neuropsichiatria Infantile, alla Fisioterapista e all' Oculista attraverso appuntamenti programmati fino a circa il primo anno di vita del bambino.
Nell' ambito dei pazienti seguiti come follow- up vengono eseguite al bisogno visite oculistiche e i seguenti accertamenti ecografici:
  • Ecografia encefalo
  • Ecografia reno-vescicale (per la diagnosi delle nefro-uropatie malformative)
  • Ecografia delle anche (per la diagnosi della Displasia Evolutiva dell' Anca)
Al primo ingresso viene fornito ai genitori un opuscolo informativo contenente tutte le informazioni relative all’accesso e all’organizzazione del reparto.
L'accesso al reparto di Terapia intensiva neonatale è libero per entrambi i genitori durante tutta la giornata tranne che durante l'orario di visita dei medici (dalle ore 8.00 alle ore 10.30 circa) e durante le ore notturne, dove è permesso l'accesso soltanto alle mamme che devono allattare il proprio piccolo.
Non sono ammesse visite da parte di altri parenti.
Alle madri dei neonati ricoverati è consentito di usufruire gratuitamente del servizio di mensa dell' azienda.
Nello standard di servizio vengono definite le caratteristiche del servizio erogato, delle sue eccellenze e delle principali linee di sviluppo.
AMBULATORIO DI NEONATOLOGIA
AMBULATORIO NEONATOLOGIA ECOGRAFIA
AMBULATORIO NEONATOLOGIA FOLLOW-UP NATI PRETERMINE

Tutte le prestazioni della Neonatologia e Patologia Neonatale vengono concordate al momento della dimissione.

Per tutti i neonati viene programmata una visita di controllo ambulatoriale dopo 2 - 4 giorni dalla dimissione; in caso di eventuali problemi neonatali o particolari difficoltà nell'allattamento al seno vengono programmate ulteriori visite di controllo ravvicinate.
Nell''ambulatorio di neonatologia vengono effettuati i seguenti esami ecografici:
• ecografia delle anche (per le diagnosi della Displasia Evolutiva dell'Anca)
• ecografia reno - vescicale (per le diagnosi delle nefro - uropatie malformative)
• ecografia dell'encefalo, dell'addome e della tiroide (su indicazione anamnestica e/o clinica).

Nell'Ambulatorio di Neonatologia è inoltre disponibile dal lunedì al venerdì dalle ore 8.00 alle 15.00 un'infermiera di sostegno delle mamme con eventuali problemi di allattamento e di gestione del neonato.

Per mamme e papà che hanno bisogno di consigli, spiegazioni e ulteriori informazioni di puericultura è possibile contattare il numero 0321 3733 670 dalle ore 8.00 alle 15.00; risponderà personale qualificato a fornire suggerimenti per facilitare il compito nei primi mesi di crescita del neonato.

Per ulteriori informazioni consultare:
Vermont Oxford Network: www.vtoxford.org
Sito della Società Italiana di Neonatologia (SIN): www.neonatologia.it
NEO-N NEONATI a RISCHIO NOVARA ONLUS
c/o Ospedale Maggiore della Carità di Novara
C.so Mazzini, 18 - 28100 - Novara
CF: 94061380039
MENU
© 2019 NEO-N NEONATI a RISCHIO NOVARA ONLUS
Torna ai contenuti