Papa_F - Neo-n Neonati a Rischio Novara Onlus

Vai ai contenuti

Menu principale:

Una storia forte...a lieto fine


    
"La mia storia è quella di un papà che, accanto a sua moglie e al suo primogenito, attendeva l'arrivo dei suoi due fratellini, due gemelli. Sarebbero dovuti nascere ai primi di dicembre del 2013, ma a settembre alla 28esima settimana una notizia drammatica ... la mamma era affetta da neoplasia alla lingua e alla faringe...

Nell'immediato i reparti di ORL, Ginecologia e TIN si sono mossi per capire come poter intervenire. Sono iniziati subito gli esami diagnostici per capire l'entità della massa tumorale mentre la mamma veniva ricoverata per monitorare lo stato della gravidanza. Si era ipotizzato di arrivare alla 34esima settimana, ma, in anticipo di due settimane, i piccoli sono nati ...

La mamma intanto seguiva il suo percorso e giorno dopo giorno i nostri piccoli erano in reparto, all'interno delle incubatrici, seguite con passione, dedizione e professionalità da tutto il personale del reparto TIN. Entrambi abbiamo avuto la possibilità di tenere i nostri bimbi tra le braccia, anche solo per qualche minuto. Dopo circa un mese dalla nascita dei piccoli, i primi di novembre, mia moglie è stata sottoposta a Legnano ad un intervento chirurgico lungo e complesso; 11 ore di ansia e angoscia pensando a lei "sotto i ferri" e allo stesso momento pensare al bimbo grande di 2 anni al nido, ignaro di tutto, e ai piccoli in incubatrice che giorno dopo giorno, come piccoli leoncini, crescevano e lottavano.

Mia moglie rimase ricoverata circa 20 giorni e tutti i giorni mi dividevo tra lavoro, cura del bimbo grande insieme ai nonni, reparto TIN per stare con i gemellini e ospedale di Legnano per portare le notizie a mia moglie ... All'incirca il 20/25 di novembre mia moglie venne dimessa e dopo qualche giorno anche i piccoli lasciarono il reparto per tornarci periodicamente per le visite di follow-up. I piccoli, dopo il periodo in terapia intensiva, furono spostati in sub-intensiva e ogni volta che andavo a trovarli non mancava mai una parola di conforto e aiuto da parte dei medici, degli infermieri e degli operatori sanitari che ben conoscevano la mia situazione.
Con una infermiera in particolare, dopo tutti questi anni ci sentiamo ancora ed è il canale con il quale si mantiene aperto il contatto con persone che vanno oltre quello che è un lavoro, una professione...

Questa la mia testimonianza che ovviamente, soprattutto per mia moglie, non si concluse lì ... per lei si prospettava un periodo molto difficile; 40 sedute di radioterapia, 3 cicli di chemio, due ricoveri per infezioni polmonari ... ora a distanza di ben 4 anni posso dire che è un ricordo. Una esperienza che cambia la vita. La cambia nel profondo dell'animo. Spesso, allora, mi si chiedeva "come fai?" ... la mia risposta era non so ... forse incoscienza ... forse coraggio ... di sicuro camminavo su una linea che li separava ... un cammino illuminato dall'Amore.......

A voi che leggete queste mie righe e che vivete in una situazione di difficoltà emotiva, vi dico solo di essere forti. I vostri bambini sono in mano a professionisti che tutti i giorni lottano contro tagli e difficoltà. Sono in trincea. Ma sono in trincea per combattere con voi una dura battaglia. Loro combattono insieme a voi, perché come voi, anche loro sono genitori e sanno come è prezioso un figlio e una figlia. Auguri di ogni bene ..."

Papà F.

Torna ai contenuti | Torna al menu