Marco - Neo-n Neonati a Rischio Novara Onlus

Vai ai contenuti

Menu principale:

Marco

Sono la mamma di Marco, un piccolo guerriero senza spade e lance ma con fili e tubicini, nato di 1350gr., alla 29+6. Lui è un combattente sceso in trincea con una forza incredibile; da subito mi ha insegnato il vero senso della parola Resilienza. Ebbene sì, perché il nostro bambino, venuto alla luce una domenica mattina di inverno, ci ha sempre creduto e ha sempre lottato, insegnandomi la pazienza, la lentezza del tempo e il fatto che ogni giorno in più è un dono di Dio che gli ha permesso di crescere e rinforzarsi.

Marco è nato in seguito ad una gravidanza travagliatissima che nemmeno i medici credevano sarebbe andata avanti. Da subito ho avuto importanti emorragie. Non potrò mai dimenticare le mie corse notturne in ospedale o il mio tragico abbandono del posto di lavoro, quel 15 settembre, quando ho realmente creduto che tutto fosse finito. E invece no, sin da subito Marco mi ha allenata a credere che questa volta sarebbe stato tutto diverso e che lui, a differenza del suo fratellino Domenico, si sarebbe fatto vedere da mamma e papà!
Da allora sono seguiti mesi di allettamento fino al fatidico 19 novembre, data nella quale oltre  a tanto sangue ho perso molto liquido amniotico, in seguito alla rottura del sacco.

Ho così imparato il significato della parola P-prom, ho imparato a bere 4 litri di acqua al giorno, ho imparato a dormire supina e soprattutto immobile come una mummia, per paura che il foro si ingrandisse e mi facesse perdere il tesoro che custodiva.

Durante la mia degenza ospedaliera, durata due mesi, ho potuto conoscere degli angeli: le mie ostetriche, in particolare Anna e Valentina la quale mi ha accompagnato quella notte in sala operatoria e ha stretto a sé per prima il mio Marco, il mio ginecologo preferito, A. Masino,  che con pazienza mi ha rassicurato rispetto a indici AFI e crescita del bambino, le Volontarie dell'Avo, in particolare Maria e Antonietta, che mi tenevano compagnia nelle lunghe giornate di degenza, Don Michele, Sabina, i miei suoceri, mio marito e in ultimo ma non per ultimi la mia mamma e il mio papà che non hanno esitato a mollare tutto a Matera e trasferirsi a Novara per due mesi.

Marco mi ha insegnato che al primo piano dell'ospedale Maggiore della Carità esiste una porta che nessun genitore vorrebbe mai varcare, un luogo fatto di personale medico, infermieristico e Oss sempre sorridenti e disponibili ma che odora di disinfettante, un posto in cui ci si lava le mani mille volte, un posto con tanti piccoli monitor che ti dicono come sta il tuo bimbo e se qualcosa non va bene iniziano a suonare all'impazzata, un posto dove ci sono tante lacrime per il tuo bimbo ma anche per tutti i bimbi lì presenti, che diventano un po' figli tuoi e per i quali ogni notte quando torni a casa con la culla e la pancia vuote, preghi!

Marco mi ha permesso di conoscere questa dura realtà che veniva lenita dallo splendido personale della Neo-n, volontarie presenti per qualsiasi cosa: un bicchiere d'acqua, un aiuto ad una mamma impacciata per il cambio pannolino di uno scricciolo, parole di conforto e speranza ma soprattutto Amore.. proprio questo custodirò per sempre nel mio cuore: il loro amore gratuito per quei bambini che in alcuni  momenti della giornata non avevano i propri genitori vicino. Loro erano lì, pronte a coccolarli o cullarli.. questo mi faceva tornare a casa più serena perché sapevo che Marco era in buone mani.
Un grazie speciale va anche alla dottoressa Colli, alla dottoressa Stasi e a Michela, una Psicopedagogista che fa il suo lavoro con passione e che aiuta le mamme a vedere le situazioni da un'altra prospettiva, in un'ottica diversa, leggendo e ridefinendo tutto in maniera positiva, cosa che in un reparto di terapia intensiva neonatale è fondamentale.

Nostro figlio ha trascorso 45 giorni in reparto e da un mese esatto è a casa con noi.

È la nostra gioia più grande e insieme a lui cogliamo l’occasione per farvi gli auguri di una Santa Pasqua.  

Rossella, Bruno & MARCO.

Galleria Immagini
(clicca sulle miniature per ingrandire)

Torna ai contenuti | Torna al menu